micro land art e wabi sabi

Bruno Cassaglia:  micro land art
Non è facile in un contesto di provincia, pur connotato da un passato artistico importante, accendere e mantenere vitale la propria creatività, al di sopra dei torpori, dei déja vu, nel ritmo lento e prevedibile del  tempo. Contrariamente ai grandi centri, dove gli scambi sono linfa vitale, la provincia si nutre di se stessa, si attorciglia e si chiude, si ripete: al giorno d'oggi raramente dà stimoli, quasi mai si fa amare. Bruno Cassaglia invece parte proprio dalle caratteristiche morfologiche e storiche del territorio in cui vive per dare sempre maggiore spazio a un progetto che è la naturale evoluzione delle sperimentazioni che da anni svolge in ambito esterno. Contrariamente ai land artisti americani ai quali i grandi spazi non solo suggeriscono ma impongono interventi su aree di vastissima portata, Cassaglia si muove nel caratteristico paesaggio ligure e del basso Piemonte che costringe a piccoli passi, a gesti misurati, a soste rispettose. Non è questo un limite ma piuttosto il perfetto scenario in cui la micro land art che l'artista realizza trova il suo habitat ideale.
Da anni il desiderio di percepire più profondamente l'organizzazione dell'ambiente naturale - di farne, in un certo modo, parte - appassiona l'artista che inizia a lasciare piccoli segni sui suoi percorsi, a spostare foglie, a lasciare su di esse tracce di colore, una lieve colata di cera, uno strappo... gesti sempre più minimali, sempre più impercettibili, gesti a volte documentati, a volte lasciati all'oblio del tempo, in una attenta ricerca di conoscenza che sempre meno è dell'intelletto e sempre più dei sentimenti. Quest'arte minimal infatti impegna ed esalta i cinque sensi, perché i suoni, i profumi, i colori, le superfici, anche i sapori, vengono nettamente percepiti in quanto elementi non rinunciabili di questa opera work in progress che l'artista organizza sulla sua misura di "umano" che vuole accorciare le distanze fra lui e la natura, in un tacito accordo di reciproca conoscenza e rispetto.
Più vicino alla disciplina zen che all'arte povera o alla land art, questo linguaggio diventa sempre più simbolico, sempre più lieve nelle tracce e nei significati. Perché se all'inizio le ragioni degli interventi erano chiare e ben espresse, e potevano essere oggetto di interessanti e approfonditi resoconti, ora si rivelano quasi superflue, ingombranti. La scelta degli spazi d'azione arriva al limite della percettibilità, per rendere ancora più precario il gesto, meno marcato il passo, meno facile la reperibilità di una forma da segnare. Quasi una sfida ad una possibilità di poesia, Cassaglia arriva a percorrere i "non luoghi", inquietanti spazi in cui nessuno sa riconoscere e riconoscersi - un'autostrada, un campo abbandonato, una periferia degradata - in  cui è facile nascondere o mimetizzare i propri segni. Gli interventi restano, si perdono, vengono assorbiti o modificati dalla natura, possono anche non essere mai scoperti; ma su un altro livello, attraverso la web art la testimonianza può essere divulgata, all'artista la decisione finale.

Lia Franzìa


                                                           
                                                      wabi-sabi
















































                                                            da 3 metri sotto il livello del mare a 1000 sopra








                                                
















                                Vado Ligure : grafite su scogliera
































                               Vado Ligure - sasso spostato di circa 7 km, dalla collina 
                                  al mare.



















                                      Land Art - Piemonte




























































































































                                                new painting











             
                      la mia mano, foglia più matita su carta









                                                 new paintry


                             




















                                      curcuma e grafite su juta








































                                

      frammento del pianeta spostato di 5 km verso est

















                                                      wabi-sabi painting




















                           
















                                      






















                                        

                                       grafite su pietra






























      Tabacchiera, terra, cartina per sigarette, cera e vegetale


















                              legno, terra grafite e spezie


                                    
  























                                                 




















          scavo nel terreno, due ciotole e acqua di mare



                       














                





                      petalo con tre tagli: quasi un omaggio

















pietra portata sulla spiaggia dalla collina e poi dipinta : pastelli



















                                           





                   pastelli su vegetali trovati sulla spiaggia




















                                                grafite su scogliera


















                                  penna su scogliera




















                    grafite su osso di seppia posizionato verso est


































                  

                                           grafite su scogliera




































                                     pane colorato e poi sepolto















                     grafite e acquarello su pietra di mare










                          fiori e cera su metallo arrugginito




                                           



















                             cera e chiodi su vegetale














                           cera e curcuma su vegetale





                                      











                              cera e spago su ramoscello










  



                                   spilli e cera su foglia secca





















                    chiodi, pittura e uno spillo su legno


















                                           Grafite su pietra























                                              Grafite su pietra di mare



















                             stagno, cera, foglia secca




                                         





                                             wabi-sabi painting





       


















                               wabi-sabi  painting































                                       











                                          















                                      


















                                





















                                               
















                                    


















                                   
















                                      




















                                      

















                        






















                                           


















Nessun commento:

Posta un commento